novaMatic® - Azienda - Avvisi

Distributori automatici di tabacchi
Trasmissione telematica dei corrispettivi di merce varia


L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 30 marzo 2017 ha individuato definitivamente quali distributori automatici devono trasmettere i corrispettivi delle vendite di merce varia dal 1 aprile p.v.
Inoltre la stessa Agenzia delle entrate in risposta ai quesiti formulati nel tempo dalla FIT ha condiviso ed accolto le soluzioni dalla stessa indicate.

Sono escluse in assoluto dalla trasmissione telematica dei corrispettivi, prevista dall'art. 2 comma 2 del D.lgs 127/2015, le vendite effettuate tramite distributore automatico, di: tabacchi; schede e ricariche telefoniche; biglietti per il parcheggio; biglietti per il trasporto pubblico; biglietti delle lotterie istantanee (gratta e vinci).

Tutti coloro i quali hanno installato un distributore di tabacchi nel quale vendono oltre i tabacchi anche ed esclusivamente i suddetti prodotti sono esclusi da qualsiasi adempimento connesso alla normativa in oggetto.

È stata differita al 1 gennaio 2018
la trasmissione telematica dei corrispettivi di merce varia per i distributori elettromeccanici /elettronici ovvero elettronici cosiddetti di nuova generazione High Level o di Seconda Generazione, che non sono in possesso della caratteristiche tecniche idonee alla trasmissione telematica dei corrispettivi al sistema dell'Agenzia delle entrate.

In particolare, tali distributori dovranno essere aggiornati con interventi di adeguamento tecnologico identificati con il provvedimento emanato dall'Agenzia delle entrate in 30 marzo 2017.

In ogni caso, per i distributori elettromeccanici /elettronici le modalità individuate hanno un impatto economico che seppur limitato, potrebbe rivelarsi assolutamente sproporzionato rispetto all'esiguità del volume d'affari ritratto dalla vendita di merce varia con il distributore in uso.

Pertanto, ciascun tabaccaio, dovrà attentamente valutare la convenienza economica dell'aggiornamento proposto dalla rispettiva ditta fornitrice di distributore automatico ovvero se sia preferibile cessare la vendita di merce varia con i predetti distributori entro il 31 dicembre 2017.

Invece, i distributori di tabacchi di nuova generazione High level sono controllati da un personal Computer o, comunque, da schede elettroniche con processori di alto livello e dotati di una porta di comunicazione, capace di trasmettere digitalmente i dati dei corrispettivi. Pertanto, coloro i quali abbiano installato un distributore automatico di tabacchi cosiddetto "misto" dotato di una porta di comunicazione già attiva e, quindi, capace di trasferire digitalmente i dati ad un dispositivo atto a trasmettere gli stessi al sistema dell'Agenzia delle entrate, dovranno iniziare la predetta trasmissione a decorrere dal 1 di aprile p.v. Per tali distributori il fornitore dello stesso dovrà provvedere ad adeguarsi a quanto già stabilito dall'Agenzia delle entrate con provvedimento del 30/06/2016 e da ultimo con quello odierno 30/03/2017.

Nel caso, invece, la predetta porta di comunicazione sia non attiva o non attivabile, come è presumibile sia quella installata sulla maggior parte dei distributori di tabacchi di ultima generazione installati presso le tabaccherie, l'adempimento in discorso decorrerà, anche in questa ipotesi dal 1 di gennaio 2018. Infatti, l'adeguamento tecnologico individuato, anche con l'ausilio della FIT, per tali tipologie di distributori, potrebbe consentire la trasmissione telematica dei corrispettivi direttamente al sistema dell'Agenzia delle Entrate. In ogni caso le caratteristiche di tale soluzione tecnologica saranno oggetto di un ulteriore provvedimento direttoriale. Ribadiamo che i distributori automatici dovranno trasmettere all'Agenzia delle entrate, esclusivamente i corrispettivi della merce varia, con espressa esclusione di quelli derivanti da tabacchi e da prodotti ad essi assimilabili. I tabaccai sono invitati a contattare i propri fornitori per individuare sia la tipologia che le caratteristiche tecniche del distributore automatico in uso cosiddetto "misto", al fine di individuare correttamente la scadenza per l'avvio dell’adempimento della trasmissione telematica dei corrispettivi all'Agenzia delle entrate.

Cordiali saluti.

FEDERAZIONE ITALIANA TABACCAI


Trasmissione telematica dei corrispettivi di merce varia - Distributori di sigarette